Tutti a scuola

I libri, lo zaino, l'entusiasmo o l'inizio dell'incubo. I compiti, lo studio, le interrogazioni. Ma non per tutti. sono più di 30.000.000 i bambini che non avranno istruzione per colpa della guerra. E davanti a questo vuoto, ogni nostra piccola emozione diventa grigia...

In tutto il mondo milioni di studenti stanno riprendendo le scuole, ma un numero record di conflitti e crisi sta privando altri milioni di bambini del loro diritto a ricevere un’istruzione. Sono circa 30 milioni i bambini che non vanno a scuola perché vivono in situazioni di emergenza o in paesi colpiti da conflitti – quasi la metà di tutti i bambini che, a  livello globale, non frequentano la scuola. Molte scuole sono state attaccate e milioni di bambini sfollati sono stati costretti a lasciare le proprie case e gli studi.

In Liberia e in Sierra Leone, le scuole resteranno chiuse fino alla fine dell’anno a causa dell’epidemia di Ebola, che colpisce oltre 3,5 milioni di bambini.

Ecco le principali emergenze:
  • In Ucraina:  a causa dei recenti combattimenti, circa 290 scuole sono state distrutte o danneggiate.
  • Nella Repubblica Centrafricana:  secondo una recente indagine:  un terzo delle scuole sono state colpite da colpi di arma da fuoco, o date alle fiamme, o saccheggiate o occupate da gruppi armati.
  • A Gaza: oltre 100 scuole che sono state utilizzate come rifugi da oltre 300.000 persone sfollate durante il conflitto, devono essere ristrutturate;
  • Nel nord est della Nigeria: studenti e insegnanti sono stati uccisi o rapiti e più di 200 ragazze non sono state ancora liberate.
  • Siria: circa 3 milioni di bambini, metà degli studenti siriani, non stanno frequentano le scuole in modo regolare.

"Per i bambini che vivono in situazioni di emergenza, l’istruzione è un’ancora di salvezza”, ha detto Josephine Bourne, responsabile del programma istruzione dell’UNICEF. “Continuare a garantire un’istruzione dà un senso di normalità ai bambini, può aiutarli a superare i traumi, ed è un investimento – non solo per loro, ma anche per il futuro delle loro società. Senza le conoscenze, le competenze e il sostegno che l’istruzione garantisce, come possono questi bambini e ragazzi ricostruire le loro vite e le loro comunità?”.

Per continuare a dare ai bambini la possibilità di ricevere un’istruzione, anche durante le crisi, l’UNICEF supporta gli impegni per un’istruzione d’ emergenza,  fornendo: classi temporanee e spazi alternativi per l’istruzione per bambini sfollati interni e rifugiati, forniture di milioni di quaderni, zaini e altri materiali didattici. L’UNICEF sta anche sostenendo studi  da autodidatti per i bambini che non possono lasciare la propria casa e sostiene programmi di istruzione via radio per i bambini nei paesi colpiti dall’Ebola.
Nonostante le difficoltà, i programmi di istruzione di emergenza sono molto sotto finanziati. “L’anno scorso i programmi di istruzione di emergenza a livello globale supportati dall’UNICEF hanno ricevuto solo il 2% di tutti i fondi raccolti per azioni umanitarie, con un ammanco di 247 milioni di dollari. L’istruzione è una parte essenziale della risposta umanitaria, che richiede sostegno e investimento sin dall’inizio di una crisi”, ha continuato Bourne. “Un numero record di emergenze significa che più bambini che mai sono a rischio e noi abbiamo un urgente bisogno di risorse per raggiungerli.”